Feste che cambiano: dall’Inghilterra dell’800 all’Italia del 2000

di

Trascinate piu’ che idealmente da Jane Austen, chiamata per tutta la sera “la Jane”, e dai balli e dalle feste che spesso ricorrono nei suoi romanzi, anche noi giovedi’ 3 dicembre ci siamo ritrovate nel mezzo di una festa: il gruppo di lettura Desperate Readers ha compiuto un anno! Cosi’ ci siamo scambiate reciproci auguri e abbiamo iniziato a parlare della Jane, appunto.

Anche questa volta due atteggiamenti serpeggiavano nel gruppo: chi con gli occhi sognanti descriveva la lettura della Austen come qualcosa di sublime, chi al contrario con le sopracciglia aggrottate criticava l’immobilismo dei personaggi che, dopo essersi corteggiati senza corteggiarsi, dopo aver immaginato il portato di un lieve sfiorarsi con le mani, si ritrovano finalmente a condividere la stessa carrozza da soli e… niente. La Austen non ci dice niente di niente su quell’agognato viaggio in carrozza. Si e’ ben presto passati a parlare della scrittrice, della sua epoca, di quanto fosse rivoluzionario l’atto stesso dello scrivere essendo una donna, del suo sezionare le convenzioni sociali, della raffinatissima ironia della scrittrice inglese.

Una serata di sole donne: e’ vermente una vetta irrangiungibile la Jane per gli uomini? Peggio per loro, anche perche’ si sono persi i deliziosi brownies di Lucia, talmente contenta di essere finalmente riuscita a far leggere al gruppo la Austen che, come ringraziamento, ha cucinato per noi. Il risultato e’ stato molto molto apprezzato.  Stavolta da tutte :)

Abbiamo sentito la mancanza di Briony Tallis, tanto! E abbiamo ascoltato gli auguri della Consigliera con delega alla Cultura Emanuela Tavormina.

Al termine della serata, prima della tisana al miele, camomilla e vaniglia di cui ancora permangono gli effluvi in Biblioteca, abbiamo distribuito i doni per il primo anniversario del gdl: blocchetti di dodici segnalibri, dodici piccoli calendari con dodici foto diverse, per ricordare i nostri incontri, per sottolineare queste scadenze di lettura che ci hanno accompagnato e che ci accomagneranno per un altro anno.

La media di lettura italiana e’ un libro all’anno. Be’, considerato che si e’ instaurato questo rito d’inizio incontro in cui si consigliano libri al di fuori i quelli che leggiamo nel gruppo, direi che siamo scandalosamente sopra la media. E torniamo alla Jane che viveva in un’epoca in cui era scandaloso scrivere, un’attivita’ poco adatta ad una donna e a noi che viviamo in un’epoca in cui leggere e’ scandaloso, un’attivita’ molto adatta ad una donna, come dimostra il nostro gdl.

About these ads

4 Risposte to “Feste che cambiano: dall’Inghilterra dell’800 all’Italia del 2000”

  1. Lucia Says:

    festeggiare con Jane è stato delizioso!
    “ci sono più tesori nei libri che in tutti i bottini dei pirati sull’Isola del Tesoro…e, cosa ancora più bella, si può godere di queste ricchezze ogni giorno della propria vita.”WALT DISNEY
    fa molto natale questa neve che scende sulla pagina…

  2. Laura Says:

    Grazie a tutte per la piacevole serata! Lucia, colgo l’occassione per farti ancora i complimenti per i brownies… buonissimi! Tanto che ho pensato di cimentarmici e portarli in ufficio per il mio compleanno… :-) Pubblicheresti davvero la ricetta sul blog? Grazie ancora!

  3. brionytallis Says:

    e così mi sono persa in un colpo solo sia Jane che i brownies.. insomma una vera serata inglese. Questa idea di pubblicare le ricette dei dolci che ci allietano la serata l’avevamo già lanciata ma non l’abbiamo messa in pratica. Direi di cominciare e di taggarla …non si sai mai dove ci porterà questo GdL…..
    A me la neve invece sa tanto di “previsioni del tempo” per la prossima volta. .

  4. Monica Says:

    Mi è dispiaciuto non esssere presente il 3 dicembre, ma ho letto anch’io
    la Austin e mi è piaciuta tantissimo. Trovo che sia una scrittrice moderna nonostante sia vissuta quasi due secoli fà!!!! Ha un modo così attuale di far
    comprendere sentimenti e valori! Forse dovremmo recuperare un pò da lei la capacità di attendere per il raggiungimento di un bene più elevato.
    Ciao Monica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: