Prossimo incontro (annunciato)

by

Ed eccoci all’annuncio del prossimo appuntamento:

cronacadiunamorteannunciatasara’ giovedi’ 7 maggio alle 21.00 e discuteremo di Cronaca di una morte annunciata di Gabriel Garcia Marquez

Finalmente il partigiano johnny si attesta con un suo consiglio! Introdotto dettagliatamente con tanto di sfondo sociale da Giovanna, il piu’ votato di giovedi’ 16 e’ stato questo libro di Marquez che ci fa affondare nel clima del SudAmerica e delle sue annunciazioni di morte che, a meno di non cambiare atteggimanto, si realizzano.

A giovedi’ 7 allora!


6 Risposte to “Prossimo incontro (annunciato)”

  1. Davide Says:

    Grazie alla mia prima partecipazione ai vostri incontri, avvenuta lo scorso giovedì, ho trovato lo stimolo per portare a termine un romanzo. Di solito trovo molte resistenze nel costruire nelle mia mente le identità dei personaggi. Mi basta, quindi, abbandonare la lettura per qualche giorno per ritrovarmi smarrito nell’aprire il libro la volta successiva. E’ questa la mia personale difficoltà nell’affrontare i romanzi. Diffocoltà che solitamente non incontro nelle letture divulgative di carattere scientifico cui mi dedico il più delle volte.
    “Cronaca…” di Marquez quasi non ha trama e quasi non ha epilogo, essendo di fatto già tutto riassunto nel titolo. Ho potuto, così, provare a concentrarmi nel dare forma agli attori della vicenda. Ho trovato la narrazione discretamente coinvolgente. Non sono riuscito a respirarne completamente l’aria di fatalità di cui si parlava in biblioteca in fase di presentazione ma posso esprimere in sintesi un giudizio positivo su questo libro. Sarò curioso di conoscere, nel prossimo incontro, l’opinione di chi ha molta più esperienza di me come lettore di romanzi.
    Grazie, Davide.

  2. lisebeth Says:

    Ti aspettiamo al prossimo incontro, allora, Davide.

  3. brionytallis Says:

    Hai già finito il libro ? Incredibile….. penso che sia quasi un record per il nostro gruppo di lettura (in caso contrario smentitemi pubblicamente….) Beh sono veramente contenta che col passare del tempo nuovi lettori si mettano in gioco una volta al mese, sfidando qualsiasi tipo di evento atmosferico, per discutere di libri anzi (ops) … di romanzi.

    Rileggerò con piacere Marquez – anche se nei miei ricordi, questo non mi sembra sia il suo libro migliore. La fatalità di cui si parlava giovedì era dovuta ad un’esperienza personale della “presentatrice”. Come abbiamo detto proprio l’altra sera ognuno di noi ama la storia e l’ambiente di un romanzo in base al proprio vissuto. Il fatto che abbiano poi tratto un film famoso dal libro, secondo me non aiuta.

    Grazie a te Davide, soprattutto per aver smentito che i gruppi di lettura sono composti principalmente da donne (certo il partigiano Johnny in quanto fondatore non fa testo e Lorenzo in fondo è anche un bibliotecario, anche se fuori dagli schemi).

    A presto.

  4. rusceris Says:

    Mannaggia!
    Tu l’hai giá finito e io non l’ho ancora in mano…
    Bibliotecarie, arrivo!🙂

  5. missmorland Says:

    Ti aspettiamo Rusceris, come aspettiamo gli altri lettori disperati che non hanno ancora ritirato la loro copia del libro🙂

    Anceh io non ho ancora iniziato a leggerlo…vediamo se questa volta riesco a non ridurmi a finirlo la sera prima dell’incontro!

  6. aeniclud Says:

    Purtroppo non sono potuta assistere all’ultimo incontro con voi per problemi, diciamo, logistici. Inoltre non avevo finito (e tuttora sono nell’intento di farlo) “la donna che rubava i mariti”. Percepisco “calor” fra i due schieramenti che si sono profilati e confrontati durante l’incontro.. Io, sinceramente, non saprei ancora da quale parte schierarmi se quelle “contro” o quelle “pro”. Da un certo punto di vista mi sta coinvolgendo la lettura, da un’altro mi innervosisce. È magnifico a mio parere (e su questo mi schiero con il gruppo “pro”) la scrittrice ti scrive un quadro preciso, nitido, completo delle tre sfigate protagoniste. Quasi ti sembra di vederle, di toccarle (e a volte perfino ti viene voglia di dare uno schiaffo a qualcuna per svegliarla), di conoscerle. Non è affatto una lettura noiosa. Ti conduce perfettamente in ogni stadio temporale delle protagoniste da quando conducono le loro vite più o meno monotone a quando le proprie strade si uniscono inesorabilmente . Sono a più di metà del libro e invece a chi non sono ancora riuscita ad inquadrare è quella furba-stronza di Zenia. Non posso dire ne’ che mi piaccia ne’ che non mi piaccia. Di sicuro è molto più stimolante delle Tre Marie, o meglio, La Pinta, La Niña e la Santa Maria, come affettuosamente le chiamo. Mi attira molto l’interesse di Tony verso le guerre e come riporta questo concetto (lotta/storia/strategia) nelle normale circostanze della vita di ogni giorno. È per me quello che mi piace di più fino adesso. Perfino mi sta venendo una voglia matta di ricrearmi in formato casalingo una sorta di mappa mondiale con tutte le grandi battaglie della storia, con soldatini di pepe bianco, nero, chiodi di garofano, semi di anice, di finocchio… a patto di NON mangiarmi i perdenti!!! E poi ho copiato anche la passione di Tony di ribaltare l’ordine di scrittura e ho scelto così il mio nick da lectora desesperada. Ovvero, Dulcinea… chi per El Quijote non è una novità, saprà bene chi è… Saludos e alla prossima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: