Un’estate all’insegna di Mendoza

by

Ma veniamo ai compiti delle vacanze. Patrizia e’ stata chiara, si puo’ anche leggere un solo libro, ma il voto sara’ molto basso a settembre, se ve la sentite…🙂

Essendo la democrazia dei Desperate readers una vera democrazia si e’ proceduto innanzitutto a votare il metodo di scelta dei libri per le vacanze: proposta di titoli o proposta di autori? Ha vinto al proposta di autori. Gli autori che sono stati suggeriti per l’estate sono i seguenti:

  • Manuel Vazquez Montalban (di cui titolo OBBLIGATORIO: Gli uccelli di Bangkok) suggerito dal partigiano
  • Amelie Nothomb suggerita da Francesca
  • Stefano Benni suggerito da Simona
  • Jonathan Coe suggerito da Emilia
  • Derek Raymond suggerito dalla scrivente lisebeth
  • Ruth Rendell suggerito da briony tallis
  • Eduardo Mendoza suggerito da Olga aka aeniclud
  • Penelope Lively suggerito da Fulvia

Il vincitore e’ stato Mendoza e il compito per i desperate e’ quello di leggere appunto da 1 a 4 romanzi dell’autore in modo che il primo incontro della nuova stagione (ancora da definire) si configuri come una discussione piu’ ampia sull’autore e non su un singolo titolo. Un esperimento.

La classifica completa?

  1. Eduardo Mendoza
  2. Penelope Lively
  3. Manuel Vazquez Montalban
  4. Jonathan Coe
  5. Ruth Rendell
  6. Stefano Benni
  7. Derek Raymond
  8. Amelie Nothomb

Buone vacanze e buona lettura!

Grazie di essere stati con noi nel primo gruppo di lettura della Biblioteca di Cavenago di Brianza. E’ stata una bellissima esperienza e si e’ creato un bellissimo gruppo.

libro_estate

7 Risposte to “Un’estate all’insegna di Mendoza”

  1. aeniclud Says:

    Ciao a tutti! Innanzitutto vorrei rassicurarvi sul fatto che la scelta di Eduardo Mendoza è piuttosto azzeccata. Mi veniva in mente come autore da cui riuscire a leggere più di un romanzo durante l’estate. E poi è spagnolo, e poi è una nuova sfida. Non saprei inquadrarlo in un genere preciso, ma scrive con una ironia garbata e brillante che mi ha colpito. Adesso vi elenco i titoli che vi suggerirei da scegliere (in base alle disponibilità che ho trovato tramite il catalogo della biblioteca di Vimercate. Se volete qualche suggerimento chiedetemi pure. Buona lettura a tutti.
    1. L’incredibile viaggio di Pomponio Flato (proporrei questo da leggere tutti e uno degli ultimi di questo autore. È un mix fra racconto storico, giallo e agiografico e una parodia di tutti quanti. Dicono molto divertente!)
    2. La città dei prodigi (è stata la più premiata, anche in Italia come finalista del Premio Grinzane Cavour nella categoria di narrativa straniera del 1988). Una sorta di novela storica in cui parla dell’evoluzione della società, concretamente nella città di Barcelona, da un punto di vista umano (tanti personaggi, montaggio di una racconto piuttosto complesso) ma sempre da quel suo punto di vista ironico, di parodia dell’essere umano che non perseguita la “veracità” storica.
    3. Il mistero della cripta stregata (è quello che ho notato che è più disponibile come coppie nel sistema bibliotecario). È uno suo omaggio al “noir” e non manca il suo apporto ironico: il protagonista non ha nessuna formazione accademica ma si esprime come un autentico letterato descrivendo il proprio comportamento “poco raffinato” con il più squisito dei linguaggi…
    4. Nessuna notizia di Gurb. È stato il primo libro di Mendoza che ho letto in assoluto e mi sono piegata dal ridere. È una sinossi della società spagnola dei nostri tempi. Ambientata, come sempre, a Barcelona, ma potrebbe essere anche a Madrid o qualsiasi altra città spagnola. Il protagonista è un extraterrestre che è venuto alla terra con un compagno che si è praticamente “perso” nella città e lui lo cerca ovunque. In realtà il suo compagno si è deliberatamente perso perché hanno la capacità di prendere le sembianze di qualsiasi umano che vogliono. Il suo compagno “perso” ha preso le sembianze di una famosissima all’epoca (10 anni fa circa) cantante spagnola (una sorta di super bomba sexy, tipo Jennifer Lopez) e in questa ricerca si percepisce che ne’ il compagno (per ovvi motivi) vuole essere trovato e Gurb, il protagonista, dopo tutto, sta da dio in Spagna!
    5. L’isola inaudita, purtroppo non so nulla di questo libro (anche se lo vedo disponibile nel sistema bibliotecario). Dicono che sia una delle opere più introspettive di Mendoza. Il protagonista, un imprenditore barcelones, si trasferisce a Venezia e qua si svolge la sua nuova avventura un po’ poetica un po’ ironica, come Mendoza sa fare.
    6. Il tempio delle signore. Onestamente non so che libro sia… non so come avranno tradotto…. Forse è quello che da noi si intitola: “la avventura del tocador de señoras”, effettivamente la traduzione in italiano letterale non mi sembra tanto “bella”.. Il protagonista, è quel pazzo del “mistero della cripta stregata”.
    7. La verità sul caso Savolta, questo libro glielo suggerisco vivamente al signore (di cui non mi ricordo il nome) a cui tanto piace Montalban! Barcelona di 1917, delicata situazione socio politica, un attentato, un commissario, un’intricata trama che stende i suoi tentacoli anche a livello internazionale. Un libro che ha avuto molto successo e del quale, se non ricordo male, è stato tratto un film.

    Basta, non ci sono altri libri sul sistema bibliotecario di Mendoza. Se avete qualcuno un altro in mano e volete suggerimenti, non esitate a chiedermi.
    Buone vacanze e buona lettura a tutt

  2. Sciura Pina » Compiti per le vacanze. Says:

    […] Leggere  alcuni romanzi di Mendoza: compito assegnato dalle disperatissime lettrici del mio gruppo di lettura. […]

  3. Gina Says:

    Posso dire la mia? Non sono di Cavenago, ma abito a Vimercate e mi fa piacere scoprire l’esistenza di questo gruppo di lettura.
    Complimenti per la scelta di Mendoza, autore adorato.
    Un paio di precisazioni: Il tempio delle signore è effettivamente “La aventura del tocador de señoras”, terzo libro della trilogia che si apre con Il mistero della cripta stregata e prosegue con “El laberinto de las aceitunas” (inedito in Italia). Tranquilli sulla traduzione: molto meglio il terzo del primo! Peccato però non leggerli in sequenza.
    Quanto alla Città dei prodigi, vi segnalo che è in uscita una nuova traduzione, prevista per settembre da Giunti Blu, a opera… della sottoscritta. Preciso che non conosco la traduzione del 1987. Opera ponderosa e molto bella, un vero romanzone di ampio respiro.
    Per finire, suggerisco a chi può farlo di leggere Sin noticias de Gurb in originale, perché la traduzione appiattisce un po’ e tagliuzza qua e là. Resta comunque un libro esilarante.

    Buona lettura a tutti!

  4. lisebeth Says:

    ciao Gina, che onore avere nientemeno che la traduttrice di Mendoza sul nostro blog. Ovviamente se vorrai venirci a trovare quando parleremo di Mendoza sarai la benvenuta. Non abbiamo ancora stabilito la data di settembre, ma la scriveremo su questo blog non appena sarà decisa. Questo è un invito ufficiale🙂

    a presto!

  5. Gina Says:

    Molte grazie, mi farebbe piacere!
    Magari fossi “la” traduttrice di Mendoza… per il momento ho solo (ri)tradotto La città dei prodigi: speriamo in futuro!
    Allora terrò d’occhio il blog. E intanto, buona estate e buone letture!

  6. brionytallis Says:

    Ed eccomi finalmente in vacanza con tutto il tempo che voglio per lasciare i miei commenti in questo blog.
    Nonostante i post entusiasti di gina e aeniclud io dopo due mesi non sono ancora riuscita a superare pagina 30 del primo romanzo di M: La verità sul caso Savolta
    Forse mi conviene lasciare perdere questo e cominciare con Il tempio delle signore….. anche se così comincio dall’ultimo di una trilogia (ma che testa hanno gli editori italiani quando non traducono i libri in fila !).
    Comunque i compiti li ho portati avanti nel senso che ho letto almeno un libro della Lively (seconda classificata) e farò il possibile per leggere Gli uccelli di Bangkok (terzo classificato).
    Poi per i voti ,…. io in realtà vado controcorrente (nel senso controgelmini)… dopotutto ho fatto le superiori quando imperava il 6 politico cosa vi aspettate da me ?? E anche adesso in ufficio non è che la meritocrazia sia molto di moda.
    Della serie: quello che studi, fai o leggi lo fai solo per te e non certo per ricevere complimenti (in numeri, monetari o altro).
    Vi terro’ aggiornate (ops.. aggiornati). A presto.

  7. 2010 in review « Desperate Readers Says:

    […] Un’estate all’insegna di Mendoza June 2009 6 comments 5 […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: