Boutique o mercato del sabato?

by

Se Colin Dexter dice poco a molti, forse Ispettore Morse dice qualcosa in piu’ a qualcuno in piu’. Infatti, l’ispettore in oggetto con il fidato assistente Lewis è forse più famoso per la serie trasmessa in Italia dalla tv satellitare. Naturalmente sarebbe stato più ovvio avere la pubblicazione di tutti i romanzi di Dexter in italiano a tempo debito e valorizzati come quelli delle connazionali P.D. James e Ruth Rendell, ma evidentemente qualcuno non li aveva ritenuti all’altezza. E vero che sono stati pubblicati nei Gialli Mondadori negli anni novanta, probabilmente perchè orfani di qualsiasi altra casa editrice italiana disposta a tradurli e a pubblicarli, ma sicuramente un po’ sottotono rispetto al ruolo che meritano.
Ora, a distanza di 35 anni dalla scrittura del primo volume della serie, anche la Sellerio sta (ri)pubblicando i 13 romanzi con protagonista l’ispettore Morse, anche se siamo solo al secondo e chissà in quanto tempo (anni !) gli episodi ci verranno centellinati. Naturalmente, come per le altre serie tipo quella degli scandinavi Maj Sjöwall e Per Wahlöö, i tempi saranno dettati da esigenze editoriali piuttosto che dal desiderio dei lettori. Quindi, per non dover sottostare alle regole di una casa editrice, ho fatto un controllo nel nostro sistema bibliotecario del vimercatese e qualche volume in più l’ho trovato (un paio in lingua originale, ma forse è meglio così, capirete poi perchè). Adesso viene il bello. Il secondo volume che s’intitola “Al momento della scomparsa la ragazza indossava” è appena uscito (maggio 2011) e – preso in prestito in biblioteca – pensavo di leggermelo con calma, una assolata domenica di inizio estate. Poi qualche giorno fa, in uno dei piu’ importanti istituti nazionali di cura, ho trovato a disposizione dei pazienti molti volumi di narrativa piu’ o meno recente. E tra questi un banalissimo Speciale Giallo Mondadori con una raccolta di due gialli+un racconto che contiene anche “L’Ispettore Morse e la ragazza scomparsa” (pubblicato aprile 2011). Subito mi è venuto il sospetto e ho preso in prestito il volume (sapete al richiamo delle biblioteche non so proprio resistere.. e non solo quelle del nostro territorio ma anche quelle più disparate tipo degli alberghi, dei luoghi di villeggiatura, degli ospedali..). Ho potuto quindi fare un confronto e si tratta – ovviamente – dello stesso romanzo. Le domande a questo punto sono molte, complice la mia ignoranza su come funzioni il mondo dell’editoria, anche se sto imparando. Prima di tutto la traduzione è completamente diversa ! Per questo vorrei prendere anche il testo in lingua originale per tagliare la testa al toro. Poi il prezzo. Un libro costa 14 Euro, l’altro 5,50 (e contiene due romanzi+un racconto). Come acquistare i jeans in boutique o al mercato del sabato. E’ vero, Giallo Mondadori aveva già pubblicato il romanzo nel 1991 (scritto da Dexter nel 1976), ma allora perchè Sellerio adesso prende la stessa serie, gli dà una mano di pittura e ce la rivende come nuova e soprattutto un pezzettino per volta ? Con tutto il bene che posso volere alla Sellerio che ci regala (si fa per dire) Camilleri, Mavaldi, i citati scandinavi, la Gimenez-Bartlett e tantissimi altri, lascio a voi le considerazioni con le due versioni. Comunque i romanzi letti fino ad oggi mi sono piaciuti molto. Questo mio sfogo per esprimere il mio disappunto quando un libro viene trattato solo come “merce”, con tutte le regole del mercato, e non come un nutrimento per la mente. Quindi… ancora una volta: viva le biblioteche !

Prologo: Quel treno in partenza al binario uno
Era molto contento di sè. Poteva sbagliarsi, naturalmente, ma era davvvero contento di sè. La sua mente ripercorreva gli eventi della giornata: le domande della commissione esaminatrice.. alcune intelligenti, atre del tutto ridicole, e le sue risposte: ponderate, molto bene espresse.

Preludio: Il treno è in attesa al binario uno
Era molto contento di sè. Difficile esserne del tutto sicuri, ovvio: ma sì, era davvero molto contento. Si sforzò di ripassare mentalmente con tutta la precisione possibile lo svolgersi degl eventi: le domande della commissione valutatrice – quelle sensate e quelle insulse – e le risposte che aveva dato, ponderate con cura e, ne era certo, ben formulate.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: