Dobbiamo restare lettori !

by

Durante l’ultimo incontro dei desperate, mi ha fatto piacere leggere “ad alta voce” al gruppo una paginetta tratta da un libro che ho trovato strepitoso e da cui mi separerò difficilmente, peraltro già citato qui.
Come promesso riporto alcuni paragrafi tratti da Per le strade di Londra di Virginia Woolf (Capitolo: Come dobbiamo leggere un libro? Conferenza letta in una Scuola): quello sul fatto di rimanere lettori e non diventare critici – secondo me molto importante per un gruppo di lettura come il nostro – e quello sul piacere della lettura “senza seconde intenzioni” dice la Woolf.

“Perciò, se leggere un libro come dovrebbe essere letto richiede le piu’ rare qualità d’immaginazione, intuito e giudizio, converrà forse dire che la letteratura è un’arte molto complessa e che è improbabile che noi si possa riuscire, anche dopo un’intera vita dedicata alla lettura, ad aggiungere qualcosa di valore alla critica di questa letteratura. Dobbiamo restare lettori; non saremo mai investiti dalla addizionale gloria spettante a quegli esseri eletti che oltre a essere lettori sono critici. Tuttavia, rimane la nostra responsabilità di lettori, e anche la nostra importanza. Le nostre valutazioni e i nostri giudizi pervadono l’aria e diventano parte di quell’atmosfera che gli scrittori respirano mentre lavorano. Viene cosi creata un’influenza che agisce su di loro, anche se non assume mai la consistenza della stampa. E questa influenza, se dovesse essere bene indirizzata, vigorosa e individuale e sincera, potrebbe riuscire preziosissima, ora che la critica è per forza in recessione; che i libri vengono recensiti, come una sfilata di animaletti in una baracca di tiro a segno, e il critico ha soltanto un secondo di tempo per caricare l’arma, puntare e sparare, e gli si deve per forza perdonare se confonde il coniglio con una tigre, l’aquila con una gallina, o manca completamente il colpo e il piombo va a finire su una tranquilla mucca che pascolava in un prato vicino.

Se oltre al capriccioso fuoco d’artiglieria della stampa, lo scrittore sentisse che c’è un’altra specie di critica, l’opinione della gente che legge per il piacere di leggere, lentamente e non professionalmente, giudicando con molta simpatia eppure con molta severità, non servirebbe ciò a migliorare forse la qualità della sua opera? E se grazie a noi i libri possono diventare più vigorosi, più ricchi, e più vari, questo sarebbe uno scopo senz’altro da raggiungere.
Eppure, chi legge perché uno scopo, per quanto desiderabile, venga raggiunto? Non ci sono forse certe attività che noi svolgiamo perché sono piacevoli in se stesse, non ci sono piaceri senza seconde intenzioni? E non si annovera fra di loro questo della lettura? Io almeno ho a volte sognato che il giorno del Giudizio universale, quando tutti i grandi condottieri e avvocati e uomini di stato arriveranno in cielo per ricevere le loro ricompense- le loro corone, i loro lauri, i loro nomi indelebilmente incisi sul marmo imperituro – l’Onnipotente guarderà San Pietro e gli dirà, non senza una traccia d’invidia nel vederci arrivare con i nostri libri sotto il braccio: «Questi non hanno bisogno di ricompensa. Qui non abbiamo niente, per loro. Sono quelli che amavano leggere.»

4 Risposte to “Dobbiamo restare lettori !”

  1. olialma Says:

    Molto bene per Virginia Wolf che godeva di un attivissimo circolo letterario fra le sue pareti domestiche, non per ospitare un GdL, ma per incontrare autorevoli scrittori. E allora: come le nostre “responsabilità di lettori…le nostre valutazioni” possono “diventare parte dell’atmosfera che gli scrittori respirano”? Quale “influenza su di loro” possiamo convogliare, non avendo le opportunità che la signora Wolf ha avuto? Faccio parte di un GdL di Monza che funziona soddisfacentemente da due anni. Sono nuova di tecnologie per cui non so cosa vogliano dire “feed RSS2:0.” e “trackback”: se qualcuno me lo spiega… Sono contenta di poter scambiare pareri, suggerimenti, esperienze riguardo la lettura. Faccio parte di quelli che non hanno bisogno di ricompensa…. Grazie!

  2. Brionytallis Says:

    Anche se non abbiamo le possibilita’ della Woolf credo che per comunicare con gli scrittori al giorno d’oggi vanno bene i mezzi che stiamo usando . Parlare degli stessi libri in tutto il mondo, questo la Woolf non poteva farlo, Per la spiegazioni tecniche lascio la parola alle mie compagne di blog. Grazie a te Olialma per l’intervento.

  3. olialma Says:

    E’ vero Brionytallis, con i mezzi tecnologici di cui possiamo disporre non abbiamo problemi di distanze per comunicare, proprio come tra noi: Cavenago-Monza…. Scherzo, naturalmente! Ma poi, è così importante incontrare e conoscere gli scrittori? Io personalmente non ne sento molto l’urgenza. Certo non avrei detto di no alla proposta di conoscere Saramago o Steinbeck o Cossery o tanti altri. Ma non credi che importante sia solo o soprattutto avere tra le mani un libro che ti faccia pensare: “sì, è questo che volevo leggere, che volevo sentirmi dire!” e rimanere quindi semplici “lettori” come dice la Wolf, senza interferire ma accettando che la lettura sia adeguata, così com’è?
    Ti ringrazio: mi dai l’opportunità di parlare di cose che mi stanno a cuore!

  4. olialma Says:

    Brionytallis, hai voglia e tempo di darmi notizie sul vostro GdL? Cosa state leggendo? Che programma avete? Vi incontrate con scrittori o editing? C’è qualcuno di voi che legge qualche brano a voce alta all’interno del gruppo? Sono incuriosita dal fatto che ogni gruppo operi secondo modalità diverse e mi farebbe piacere conoscere le vostre e anche le vostre letture. Grazie fin d’ora e buon….lavoro!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: